• 08.jpg
  • 15.jpg
  • 18.jpg
  • 05.jpg
  • 12.jpg
  • 03.jpg
  • 13.jpg
  • 06.jpg
  • 01.jpg
  • 19.jpg
  • 16.jpg
  • 10.jpg
  • 22.jpg
  • 09.jpg
  • 17.jpg
  • 11.jpg
  • 07.jpg
  • 20.jpg
  • 04.jpg
  • 14.jpg

2024-02 "Speciale ECOMOSTRO" - il Volantino

ABBATTERE PER RICOMINCIARE

Ci sono molti motivi per cui è da considerarsi cosa buona e giusta abbattere un ecomostro come Villa Sauli a Tricase Porto. Alcuni sono semplici da intuire, altri hanno interpretazioni più recondite ma certo non meno importanti. Intanto chiariamo che sono da abbattere molte cose nei nostri paesi, perché la tutela del paesaggio, oltre che essere fissato dall’art. 9 della nostra Costituzione, è uno dei beni più preziosi cui aggrapparsi per debellare la volgarità dell’animo, per creare l’ambiente più dignitoso possibile alla convivenza civile. È noto come un ambiente degradato dal punto di vista architettonico favorisca altro degrado, una finestra rotta predispone ad un’altra finestra rotta, un parco abbandonato aiuta a farlo diventare una discarica.

Quindi da sempre pensiamo che la tutela del paesaggio non può essere la colpevolizzazione del singolo, ma la coscienza dei molti, rappresentando le corrette scelte politiche e l’esatta disamina delle leggi regolatorie. Ma a volte, l’importanza di una singola vicenda rappresenta un valore inestimabile nella comprensione collettiva dei sani principi della convivenza civile. Abbattere una casa che per decenni ha deturpato una delle perle della costa salentina (e direi italiana) significa mettere un punto fermo: da qui si comincia. Perché è evidente che la nostra civiltà va verso una nuova visione dell’ambiente e quindi molti edifici pubblici e privati – spesso abbandonati- nei prossimi decenni saranno abbattuti, modificati o almeno ristrutturati. Molte cose non saranno più concesse, molti progetti saranno meglio valutati, molti Comuni faranno i conti con la desertificazione del territorio e lo spopolamento degli abitanti. C’è da stare attenti ogni giorno: il turismo, famelico e invasivo, può edificare ogni costone, ogni pezzetto di terra, lasciando poi dietro di sé solo macerie sociali, economiche e umane. Attenzione: vivere in un posto bellissimo fa bene agli occhi e al proprio spirito, forse molto di più di due mesi di effimero trambusto vissuto come vassalli di una nuova onnivora cafonaggine. Non facciamoci ingannare di nuovo dal progresso devastante, lottiamo qui e ora per il bello, non certamente contro una o due famiglie.

Alfredo De Giuseppe


DALL’INIZIO ALLA FINE

27 passaggi salienti in una sintesi cronologica per capire la questione Villa Sauli

  1. La storia inizia il 10 marzo 1962 quando il proprietario del terreno, prof. Alessandro Sauli, scrive al Sindaco di Tricase, per ricordargli “l’inopportunità del vincolo posto dal Piano sulla parte a mare, rispetto alla strada, della punta che chiude il Porto a settentrione. Tale promontorio è infatti il centro visuale di tutto l’arco paesistico nel quale è racchiusa la Marina di Tricase, e quindi è della massima importanza che venga opportunamente sistemato con qualche costruzione rispettosa dei valori ambientali, immersa nel verde
  2. L’8 maggio del 1962 lo stesso presenta istanza al Sindaco, ricordandogli “che la domanda precedentemente presentata, senza progetto, si riferisce ad una eventuale costruzione per Albergo-Ristorante e  serve a rendere più accogliente per i forestieri e i villeggianti la nostra marina, senza dire che consentirà ai numerosi turisti in transito di trovare un moderno alloggio ed ogni conforto. Il progetto che il sottoscritto presenterà al più presto, sono certo che incontrerà l’incondizionato appoggio di lei e di quanti hanno a cuore l’incremento e la valorizzazione della nostra marina, senza dire che la zona su cui dovrà sorgere tale costruzione sarà definitivamente sistemata ed abbellita, mentre ora giace inutilizzata”;
  3. Il 26 marzo 1963 viene presentato il progetto a firma dell’ing. Giovanni Sodero; inizia la pratica edilizia n. 53/1963

Leggi tutto

2024-02-09 "il razzismo e la felicità del calcio"

Il calcio è un gioco delle masse, per le masse. È una lotta ingentilita da alcune regole, ma pur sempre una battaglia. Il calcio non è come il tennis, l’atletica leggera o come la pallavolo dove non esiste il contatto fisico, è un gioco che serve a simulare la vittoria ancestrale di una tribù su un’altra. Lo stadio è un nuovo Colosseo dove si va per vedere del sangue, per vedere vincere e morire, possibilmente tifando per qualcuno o semplicemente per compiacere l’imperatore. Il calcio come il rugby, come l’hockey su ghiaccio è basato sul contatto fisico, sulla velocità, sulla bravura  e infine anche sul genio. L’orgasmo della vittoria provoca in altri la sete di vendetta, oppure lunghi periodi di frustrazione e in definitiva la violenza gratuita. A volte solo verbale, in altri casi anche fisica.

Leggi tutto

2024-02 "L'America da Toro Seduto a Trump" - 39° Parallelo

Per provare a capire perché la più grande democrazia del mondo, gli Stati Uniti d’America, rischia (scegliendo) di essere governata di nuovo da un personaggio al limite della decenza mentale e politica come Donald Trump, potrei partire da molte storie dei secoli scorsi. Potrei raccontare della caccia alle streghe del 1600 o dell’importazione massiccia di schiavi dall’Africa attraverso veri e propri rastrellamenti di uomini e donne, che avevano il solo torto di avere un colore diverso della pelle. Potrei partire da un qualsiasi racconto di persone ingiustamente condannate, di vittime del fanatismo e del suprematismo bianco e potrei così tentare di spiegare più plasticamente i motivi della nascita di una Nazione apparentemente libera, ricca e appagata e invece totalmente inespressa, violenta nelle sue contraddizioni, eccessiva in ogni sua manifestazione. Parlerò invece di un capo indiano e cercherò di interpretare le sue parole e le sue motivazioni. Non sarà esaustivo per capire fino in fondo l’ignorante populismo americano e neanche quello mondiale che come un’epidemia (questa sì letale) sta colpendo l’intero pianeta ma farà intuire il DNA, giovane genoma psico/sociologico del Paese più importante degli ultimi 150 anni, il posto dove si è sviluppata la meccanica e la tecnologia, dove si è sperimentato l’attuale modo di vivere dell’homo sapiens. È lì, nel Nuovo Mondo, che è nata l’industria del cinema, la prima catena di montaggio, la prima bomba atomica, il primo uomo sulla Luna, il primo computer alla portata di tutti, il primo telefono connesso con tutto il resto immaginabile. E ancora il marketing aggressivo, l’Intelligenza Artificiale, i robot, i software più sofisticati. Se gli USA vacillano, se sono sulla strada di un’Argentina peronista, se sono sull’orlo di una crisi socio-politica irreversibile, c’è dunque da preoccuparsi, perché ad oggi sono considerati la guida dell’Occidente “illuminato”, la potenza invincibile dell’ultimo secolo.

Leggi tutto

2024-01-26 "I DISONESTI DELL'AUTONOMIA"

I DISONESTI DELL’AUTONOMIA

Già nel 2017 segnalai con preoccupazione l’avanzare delle truppe dell’autonomia differenziata. Oggi aggiungerei solo una frase: “onorevoli sudisti, patrioti santificati dagli elettori, siete disonesti e traditori; provo  vergogna per voi, per la mia bella Italia, distrutta e stuprata”.

"SUI REFERENDUM DEL LOMBARDO-VENETO" – FB - Pubblicato in Articoli 2017

Posso sommessamente dire che questi referendum per una maggiore autonomia regionale sono una grandissima cazzata? Avallata per di più da quasi tutti i partiti? Ma siamo davvero una gabbia di matti… Dovremmo lottare per fare gli Stati Uniti d’Europa e siamo qui a rinverdire i granducati dei secoli passati. L’Italia come la Francia e la Germania, dotate di leggi similari, dovranno diventare le macroregioni di un’Europa finalmente unita. Che ce ne facciamo di altri 20 staterelli? Magari in guerra fra di loro per un ospedale o una scuola…

Ho già detto più volte che credo alla Democrazia Mediata e riconosco molti limiti nella Democrazia Diretta. Se all’indomani di un delitto efferato facessimo un referendum sulla pena di morte i Si vincerebbero a man bassa. Se facessimo un referendum in ogni Regione, in ogni Provincia tutti vorrebbero governarsi da soli. E se chiedessimo ai cittadini se vogliono pagare le tasse? Ma si può fare? Ha senso quando i competitor internazionali sono di dimensioni enormi? Oppure tutto questo è il semplice frutto del rimbecillimento collettivo dopo decenni di campagne tv e giornalistiche di stampo razzista e fascista?

FB – 23 Ottobre 2017 - ALFREDO

E’ UN ARGOMENTO CHE, nel disinteresse generale, HO RIPRESO PIÙ VOLTE, QUI DI SEGUITO PUBBLICO IL LINK DI UNO DEI MIEI ARTICOLI, PUBBLICATO NEL FEBBRAIO 2023 SUL BIMESTRALE 39° PARALLELO:

https://www.alfredodegiuseppe.it/index.php/archivio-2023/897-2023-02-differenziati-e-terroni-39-parallelo

 

2024-01-14 "il calcio a Tutino di Tricase"

Il calcio “popolare” è cosa ben distante da quella roba scintillante, tecnologica, quasi eterea a cui siamo abituati oggi, dove tutto è codificato e non c’è più spazio per uno spiraglio romantico. Nel calcio moderno tutto ci appare irraggiungibile, tanto da sembrare un videogioco inventato sulle piattaforme online. Il calcio dei bambini sulle piazze è sparito da anni, lo spirito di aggregazione spontanea e innocente è rimasta in alcune zone più povere del pianeta, vedi Africa e SudAmerica, dove il calcio rappresenta puro divertimento dentro un segno di rivalsa, una fuga dentro un sogno collettivo. Nel calcio “popolare” c’è ancora tempo per l’autoironia parlando di aneddoti, papere e gol incredibili, per darsi un abbraccio, per sentirsi ancora vincolati da un qualcosa che ha perso il sapore delle vittorie e delle sconfitte e ha il solo sapore nostalgico del tempo che passa. Insieme, nonostante tutto.

Bene hanno fatto Michele Dell’Abate e il Presidente dell’epoca Salvatore De Giuseppe, a farsi promotori di una reunion di una piccola realtà calcistica come il Tutino che agli inizi degli anni ’90 fino al 1996 calcò i campi di terza e seconda categoria. Oggi, trent’anni dopo, è stato bello rivedersi, fosse solo per dirsi che non tutto è stato inutile.

Eccoci qui, riuniti venerdì 12 gennaio 2024, trent’anni dopo.  

FB, 14 gennaio 2024

Alfredo 

2024-01-12 "PREFAZIONE al libro di Luigi Torsello"

Il libro di poesie in uscita Gennaio 2024 con prefazione di Alfredo De Giuseppe e copertina de "La Pupazza"

Conoscevo da pochi giorni Luigi Torsello quando mi ha proposto il testo di “Fra i muri del Salento”. Lui era stato per decenni lontano dal Salento, aveva pochi contatti e si presentava con un’aria dolce, mite e pensierosa che da subito mi aveva incuriosito. Mi ha raccontato che aveva passioni di vario tipo, dalla ceramica alla pittura, al cinema, ma soprattutto si stava dedicando da tempo, con maggiore impegno,  alla scrittura. Questo suo fervore, questo suo bisogno si leggeva in ogni suo sguardo, in ogni pausa del suo dire, in ogni sua comunicazione fisionomica.

Torsello ha pubblicato libri di poesie fin dal 1980, non è un libro d’esordio, ma, oserei dire che questo non è neanche un libro di poesie. Il linguaggio usato non ha una metrica o una ricerca chiusa nella poetica classica, non c’è una ricerca semantica o uno studio semasiologico innovativo. Qui l’Autore, con semplicità, umiltà e dedizione, ha cercato sé stesso attraverso una cascata di pensieri riguardanti l’esistenza, la società che si disgrega, la nostalgia della giovinezza, l’amore per la natura, la speranza invisibile dentro un futuro complesso. Le sue deduzioni, sempre coerenti, vanno a comporre un mosaico di umanesimo, condito da tasselli neri e celesti, che si rincorrono in un ideale disegno di identità. Questa parola, identità, è forse il segno che lega tutte le poesie, a volte nostalgiche e decadenti, altre volte rivolte ad una critica sociale tendente ad una nuova visione del mondo.

Percorrere sentieri sempre nuovi, privi di muriccioli a secco, senza i quali è infinito tutto quello che non s'allinea ai nostri sguardi” scrive Torsello in una sua poesia, dove questo turbinio di sentimenti alternati e frustati è reso visibile e chiaro agli occhi del lettore. Ma c’è, come dicevo, anche una ricerca introspettiva, perché tutto si riporta dentro di sé, contenitore universale del bene  e del male: “ Perché chiedersi della propria natura, se si è coscienti di essere, e perché volere a tutti i costi essere ciò che non si è?” “Quello che ho compreso della vita è che nemmeno l'alba è sincera, giacché poi ti regala un giorno completamente diverso da quello che ti aveva promesso”. Sono due passi di due diversi componimenti che danno la misura della profonda necessità di capire, cercare i perché e le risposte, intuire che il mondo sta andando in una direzione diversa da quella che ti eri immaginato.

Luigi Torsello ha inteso titolare questo libro “Fra i muri del Salento” non tanto nell’esaltazione della bellezza della natura e delle opere umane presenti nel suo natio angolo di terra, quanto per sottolineare la sua appartenenza, per dare finalmente una dimensione al suo essere, per definire il suo stato identitario, che ha bisogno della natura che lui conosce come bontà fanciullesca e della socialità che lui spera sia ancora vitale. Non è un titolo casuale, è il ritorno alle origini, forse un’illusoria malinconia fanciullesca, dove correre tra rovi e muri antichi sembrava già sinonimo di felicità. Luigi sta facendo un suo originale percorso poetico, forse in via di affinamento, ma certamente vero, senza infingimenti, senza sopravalutazioni dell’esistente, con quel malcelato disincanto che può solo creare benefici personali e collettivi.

FB - gennaio 2024

Alfredo De Giuseppe

 

Libere Fenomenologie del 2023-10-21 ... del trigesimo sindacale

 

Il Sindaco di una città si vota in modo diretto, con l’indicazione del suo nome sulla scheda elettorale, dal 1993, ormai da trent’anni. Prima si votavano le liste dei vari partiti, con l’indicazione di quattro preferenze che spesso diventavano sinonimo di accordi sottobanco, patti pregiudizievoli per il buon andamento del futuro governo. Prima del 1993 l’elezione del Sindaco avveniva all’interno del Consiglio Comunale, preceduta da giornate e nottate dai lunghi coltelli all’interno delle segreterie di partito, che potevano durare anche dei  mesi. Oggi il nome del Sindaco eletto si conosce già un minuto dopo la fine dello spoglio e si insedia il giorno dopo le elezioni. Ha poi del tempo per formare la sua squadra di governo, scegliendosi liberamente i suoi uomini tra gli eletti  e anche tra cittadini esterni (possibilmente esperti di un qualcosa). 

Leggi tutto

Libere Fenomenologie del 2023-10-14 ... della poetica elettorale

 

Ercole Morciano, ormai riconosciuto (direi quasi ufficiale) storico delle faccende grandi e piccole della sua amata città, ha recentemente pubblicato e presentato un libro dal titolo “Elezioni e Poesie a Tricase (1946-1963)”. È una raccolta commentata di manifestini elettorali, con strofe più o meno articolate, che immancabilmente accompagnavano le vicissitudini delle varie Liste con componimenti quasi sempre entusiastici per i propri candidati, e canzonatori per gli avversari.

Non voglio soffermarmi sull’opera di Ercolino, che con la prefazione di Hervè Cavallera, le appendici fotografiche, oltre alle importanti note a tergo, è già completa, utile e pregevole di per sé, quanto prendere spunto per alcune mie considerazioni, di tipo più generale.

Leggi tutto

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok