6 - Voti senza frontiere del 2021-02-20

il PUG di Lecce e gli alberi di Londra

Il Comune di Lecce, con Delibera di Giunta del 12 Febbraio, ha approvato l’Atto di indirizzo per il redigendo PUG. Modificando di fatto le linee guida del Piano regolatore, il nuovo strumento urbanistico dovrà prevedere in sostanza un minor consumo di suolo e la forestazione urbana con la creazione di nuovi parchi e spazi verdi. È un importante novità, una mezza rivoluzione per il Sud, affamato finora di cemento, strade e parcheggi, come fossero l’unico viatico per il progresso. In una provincia dove il 70% dei Comuni non ha un PUG, a Carlo Salvemini, Sindaco del nostro capoluogo, uomo pragmatico di sinistra, va un bel 7.  

Certo qualcosa si comincia a muovere sul fronte ambientalista, se anche l’Europa concede all’Italia il prestito più importante della storia a condizione che almeno il 30% sia utilizzato per implementare la green economy. Certo meglio di qualche anno fa quando i predicatori nel deserto venivano sbeffeggiati, comunque tenuti ai margini, mai realmente inseriti nei contesti produttivi. Ne ricordo solo uno, ad esempio dei molti, Fulco Pratesi (voto 9) storico presidente del WWF.

Siamo ora arrivati al momento in cui un governo nasce purché si preveda il Ministro della Transizione Energetica, che secondo Beppe Grillo dovrebbe essere il Ministero di coordinamento fra quello dello Sviluppo Economico e quello dell’Economia. Non sappiamo se davvero Mario Draghi, neo Presidente del Consiglio, la pensa allo stesso modo, ma conosciamo che una delle sue poche frasi, raccolte durante il suo primo Consiglio dei Ministri del 13 febbraio, così recita: sarà un governo ambientalista, qualsiasi cosa faremo, a cominciare dalla creazione di posti di lavoro, deve andare incontro alla sensibilità ambientale e non aggravare la situazione attuale” . Per ora voto 6 a Draghi, in attesa di sviluppi, di coerenza, di serietà e scelte coraggiose e voto 3 a Grillo per l’andirivieni bipolare del suo atteggiamento.

Potremmo nel frattempo guardare con attenzione altre esperienze: Londra, attraverso l’ultranovantenne divulgatore scientifico e documentarista Sir David Attenborough, sta lavorando all'Urban Nature Project. L’idea è quella di offrire a cittadini e turisti un’oasi faunistica in città, di circa ventimila mq vicino al Natural History Museum. Quest'area verrà trasformata in una riserva naturale, un vero centro faunistico urbano che faciliterà la ricerca e la conservazione delle diverse specie. Saranno spazi liberi e completamente accessibili a tutti, dove i visitatori potranno esplorare boschi, lagune, praterie, foreste, e scoprire gli ambienti più caratteristici che il Regno Unito offre. Aman Khan, Sindaco di Londra, si prende un 7, mentre a David Attenborough, non fosse altro per i meravigliosi documentari sul pianeta Terra che ha girato per oltre 60 anni, va un grazie accompagnato da un bel 10.

Ancora un piccolo spunto per gli amministratori del Sud: a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano sarà operativo dal 2023 un primo impianto di nuova generazione per lo smaltimento dei rifiuti fognari. Riciclerà i fanghi bruciando i residui di 40 depuratori che prima erano smaltiti all'estero e produrrà fertilizzante e acqua per il teleriscaldamento. Lo ha deciso il Gruppo Cap, la società pubblica che gestisce il servizio idrico integrato della città metropolitana di Milano. Il presidente del gruppo Cap spa è Alessandro Russo, nato nel 1982, che ha una grande esperienza amministrativa, ambientale e politica. Ad uno così va concesso un 9.

Intanto a Tricase Porto si parla di Oasi Blu, una sorta di parco marino. Se non è il solito progettificio, una grande idea, una di quelle cose che può qualificare la nostra costa per i prossimi secoli. Un po’ di coraggio non guasterebbe nella scelta, possibilmente radicale, perché il mare non è una risorsa infinita e non può essere neanche il luna park delle grandi barche a motore. Il Mare è semplicemente il luogo da dove proviene la nostra vita e quindi in automatico merita un 10.

il volantino, 20 febbraio 2021

alfredo

Stampa

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok